IL WWF SULL’ESTRAZIONE DEL METANO ADRIATICO


Comunicato della più grande associazione di tutela dell’ambiente.
30/01/2009 14:14

http://territorioveneto.it/interventi/il-wwf-sull-estrazione-del-metano-adriatico

Leggiamo dalla stampa che il Ministro dello sviluppo economico Claudio Scaiola sostiene che “bisogna permettere ad Eni di sfruttare le risorse di gas presenti nel fondo dell’alto Adriatico dato che i più recenti sviluppi tecnologici consentono di evitare in modo assoluto i rischi di subsidenza per la Laguna, Venezia e Chioggia”.

L’amministratore delegato dell’Eni Scaroni, inoltre sostiene che si può procedere perché il gas lo stanno comunque già estraendo in Croazia e si dimostra pragmatico perchè auspica studi approfonditi e sperimentazioni.

Ci opponiamo in modo deciso a queste affermazioni, prive di fondamento, visti gli enormi fenomeni di subsidenza avvenuti nella città e nell’area di Ravenna, in seguito a estrazione di gas dal sottosuolo circostante, del tutto simile a quello di Venezia e Chioggia e completamente diverso da quello croato.

Ritorniamo dopo 20 anni a protestare contro la logica che sottomette la Laguna di Venezia ed il Polesine alle superiori necessità energetiche del Paese. Si ripropongono logiche di potere distanti dagli interessi locali, con un copione già vissuto per il Mose, in costruzione nonostante la ferma opposizione di Venezia, tacitata in nome di una risposta tecnologica all’acqua alta che nel 2008 ha sottoposto la città alle peggiori acque alte (e le più allarmanti) in nome di uno sviluppo economico basato sulle “grandi opere” in barba ad ogni obiezione scientifica, vedi la negativa Valutazione di Incidenza Ambientale bellamente ignorata!
Con incredibile leggerezza l’Eni mette sullo stesso piano le due sponde dell’Adriatico, due aree con caratteristiche geologiche totalmente diverse.
Per quanto riguarda lo spirito illuminista del suo Amministratore delegato chiediamo: chi può permettersi tali studi e sperimentazioni? Solo l’Eni che è il colosso nazionale nel settore e che persegue l’obiettivo in modo indefesso da 20 anni (con investimenti relativi). Ma chi può controllare la validità ed il disinteresse delle sue prove? Non dimentichiamo che l’Eni non è una compagnia di beneficenza bensì un’azienda privata che persegue dei precisi e legittimi obiettivi di profitto.
Per chi lo avesse dimenticato anche la SADE era un’azienda privata che lavorava legittimamente in quel del Vajont…….
Stiamo assistendo ad una rappresentazione sui problemi dell’energia in cui Venezia e il territorio circostante continuano a svolgere il ruolo di agnello sacrificale.

Vogliamo invece discutere di energia in modo responsabile chiedendo alla Regione Veneto, allo Stato ed alle imprese di ragionare sul risparmio energetico, sull’efficienza e sulle energie rinnovabili.
1) Perché in questo paese non viene favorita l’attività delle “ESCO” (Energy Service Company)? Queste società (altrove) realizzano a proprie spese le ristrutturazioni energetiche, si assumono il rischio finanziario di tale intervento ed ottengono in cambio parte del risparmio economico conseguente ai risparmi energetici ottenuti.
2) Perché nella bozza del piano energetico regionale sono previsti 3 nuovi inceneritori di rifiuti, che la legge finanzia con i fondi altrimenti destinati alle vere fonti energetiche rinnovabili? Questi sarebbero totalmente inutili se si perseguisse l’obiettivo strategico del riciclo totale dei rifiuti, come si è in grado di fare con le tecnologie attuali e come auspica il WWF Italia che indica come concretamente raggiungibile l’obiettivo Rifiuti Zero per il 2020.
Non è la paura a guidare la nostra rabbia: è la consapevolezza di chi vede l’assenza di politiche virtuose e innovative, a vantaggio di logiche di profitto basate sul saccheggio del patrimonio comune, dei tesori gelosamente tramandateci dai nostri predecessori.

WWF VENETO
WWF VENEZIA E MIRANESE
ECOISTITUTO DEL VENETO “ALEX LANGER”

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...