Tempeste solari e aurore boreali


Le enormi esplosioni sulla superficie del sole registrate ai primi di agosto stanno regalando alla Terra non solo un’estate di aurore polari. Secondo l’agenzia spaziale americana Nasa, all’inizio d’agosto il nostro pianeta è stato interessato da tre forti piogge di materiale solare. Fenomeni non particolarmente potenti, che hanno un ciclo di 11 anni, ma che sono in ogni caso preoccupanti. Il Sole attraversa infatti ciclicamente periodi di maggiore o minore attività che si esprime con la presenza sulla sua superficie di macchie solari oppure brillamenti o espulsioni di massa coronale (Emc), cioè ondate di plasma che interferiscono con il campo magnetico terrestre. È noto negli ambienti scientifici che queste tempeste geomagnetiche possono incidere anche sull’uomo, alterando, per esempio, l’umore o inducendo le persone a comportamenti negativi.

[Bla, bla, bla…]

Gli esperti della National Oceanographic and Atmospheric Administration (la Noaa) prevedono per il futuro un’intensificazione delle tempeste solari, fino a un picco previsto per il 2013.    Estratto da Corriere.it

Video da SPACE.com

La maggiore tempesta solare di cui si abbia memoria fu nel 1859 e mise fuori uso tutta la rete telegrafica allora esistente nell’emisfero Nord del mondo, producendo aurore boreali visibili fino ai Caraibi e in Palestina! Se succedesse oggi qualcosa del genere gli USA avrebbero danni per 2 miliardi di dollari, calcola la National Science Foundation USA. Estratto da Il Sole24 Ore

Questo slideshow richiede JavaScript.

Photos: Multicolored Auroras Sparked by Double Sun Blast – da National Geographics

_

http://vimeo.com/terjes/videos     TSO Photography‘s videos

Per realizzare questo video, il fotografo di natura norvegese Terje Sørgjerd ha trascorso, lo scorso marzo una settimana a fotografare il cielo nei dintorni della città di Kirkenes in Norvegia e nel Pas National Park, al confine con la Russia. La temperatura fissa sui -25 gradi °C non gli ha impedito di riprendere con la fotocamera ogni giorno dalle quattro del pomeriggio alle cinque del mattino, quando l’aurora è meglio visibile.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...