On the Road


Obama, per la rielezione un video da «Grande depressione» da Corriere.it

[…] «The road we’ve traveled» (La strada che abbiamo percorso: non è proprio quello che ci si aspetta da un video per una campagna elettorale. Tanto più se il protagonista è il 44esimo presidente degli Stati Uniti d’America e la campagna è la corsa per la rielezione alla Casa Bianca. «Collapse» è una delle parole più utilizzate nei primi minuti dalla pellicola, circa 17 in totale, firmati dal premio Oscar («Una scomoda verità», miglior documentario 2006) Davis Guggenheim. Voce narrante Tom Hanks.[…]

Così la Casa Bianca spia i social network da Quotidianamente.net

[…] Al centro della macchina di «Obama2012» c’è un team multidisciplinare di «computer scientists», statistici, matematici, sviluppatori di software, analisti e «data miners »: per loro i profili personali di milioni di elettori sono la materia prima su cui lavorare se si vuole incidere davvero su una battaglia elettorale già durissima, col leader democratico debole nei sondaggi nonostante i progressi dell’economia e la leggera ripresa dell’occupazione. Bisogna usare tutte le tecnologie più sofisticate per recuperare i delusi, trovare finanziatori e volontari. E siccome la vera novità, rispetto al 2008, è il «boom» di Facebook e delle altre reti sociali, lo sforzo degli analisti di Obama è proprio quello di scavare nei profili personali di decine di milioni di utenti per capire su quali soggetti concentrare gli sforzi di reclutamento o la richiesta di contributi elettorali. […]

Quella di «scavare dati» sembra ormai essere diventata un’attività centrale di tutta la politica americana: nel solo mese di gennaio il partito democratico ha speso 600 mila dollari (e quello repubblicano oltre 400 mila) per attività di questo tipo svolte da società specializzate in «data mining». A suscitare la reazione accesa dei repubblicani è stato, invece, il documentario elettorale pro Obama girato dal regista premio Oscar David Guggenheim, con la voce narrante di Tom Hanks, diffuso da giovedì sera su un nuovo tipo di piattaforma interattiva di YouTube dove, dopo aver visto i 17 minuti di «The Road We’ve Traveled» (La strada che abbiamo percorso), chi vuole può donare, arruolarsi, discutere. Un documentario pubblicitario rivolto agli elettori delusi dalle promesse mancate di Obama che li invita a riflettere sulla realtà della crisi più grave mai vissuta dall’America: un presidente senza sorriso, assorto, che prende decisioni delicatissime. Il messaggio: «È dura, ma ci ha governato bene, poteva andare molto peggio».

.

“Sal, we gotta go and never stop going till we get there.”
“Where we going, man?”
“I don’t know but we gotta go.”                     Jack Kerouac

Quasi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...