OPUS GAY


Milano è rimasta bloccata il 2 giugno per i festeggiamenti del Family Day

“Benedetto XVI arriva a Milano – Tredici milioni per la visita del Papa. da Il Fatto.it

Il Pontefice nel capoluogo lombardo per l’Incontro mondiale delle famiglie. Tre giorni che costano al Comune oltre tre milioni di euro. Da sommare ai dieci spesi da Regione, Arcidiocesi e CEI.

Al via nel capoluogo lombardo il VII Incontro mondiale delle famiglie. Nella tre giorni papale saranno impiegati 15 mila uomini tra forze dell’ordine, vigili del fuoco e protezione civile.

[…]

.

Bello pensare alle famiglie, ma proprio il giorno prima è uscita negli States una notizia che è poco dire sconcertante sul cardinale Timothy Dolan: ecco i link se volete leggere l’articolo originale dal New York Times o, se preferite, il video del servizio televisivo ABC News 

Articolo ripreso solo da Affari.Italiani.libero.it:

“Buonuscite ai preti pedofili. Così la Chiesa “punisce” gli abusi” di M.Carraretto del 1/6/2012

“Buonuscite” da 20 mila dollari, una pensione da 1.250 dollari al mese e l’assicurazione sanitaria fino a quando non avranno trovato un altro lavoro. Secondo il New York Times, è quanto avrebbe pagato la Chiesa cattolica negli Stati Uniti per compensare i preti accusati di pedofilia e favorire il loro ritorno alla vita laica e privata. Insomma, per dare una mano ai religiosi che hanno abusato di minori. Un gioco a carte invertite, in cui il risarcimento se lo piglia chi ha commesso il reato, non la sua vittima. Ad aver autorizzato i pagamenti sarebbe stato il cardinale Timothy Dolan, dal 2002 al 2009 arcivescovo di Milwaukee e oggi a capo della Conferenza episcopale statunitense, personaggio assai conosciuto negli States e inserito dal Time tra le 100 persone più influenti del mondo. All’epoca dei fatti, Dolan aveva negato tutto: “L’accusa” – si era difeso – “è falsa, pretestuosa e ingiusta”. Ma, oggi, un documento reso pubblico dagli avvocati delle vittime e riferito a una riunione del Consiglio finanziario dell’Arcidiocesi di Milwaukee del 7 marzo 2003 ha confermato la sua firma sulle autorizzazioni alle transazioni. Allora, la situazione degli abusi era così grave e indifendibile che persino la compagnia assicurativa dell’Arcidiocesi si rifiutò di coprire i costi: “La Chiesa è stata negligente”, disse il suo responsabile.

Il primo caso analogo a Milwaukee risale al 1983. Il prete in questione, Franklyn Becker, era stato accusato di aver molestato e abusato di almeno 10 minori, sia maschi che femmine. Per lui, ci fu anche una vera e propria diagnosi di pedofilia. Rimosso dall’incarico solo nel 2004, si vide versare 10 mila dollari a titolo di aiuto. “Fu un atto di carità”, commentò allora il cardinale Dolan.

Il fatto che la “buonuscita” concessa ai preti pedofili sia una procedura formale all’interno della Chiesa, nota come “laicizzazione”, certo non rasserena. Anzi, scandalizza ancora di più. Soprattutto dopo la posizione assunta qualche giorno fa dalla Cei in merito ai casi di pedofilia: i vescovi non hanno l’obbligo di denunciare alle autorità i casi di abusi di cui vengano a conoscenza. La giustificazione data da alcuni esperti in materia, secondo cui “quando un uomo diventa prete, la Chiesa è chiamata a soddisfare i suoi bisogni per tutta la vita”, è sin troppo debole.

Solo da noi, negli ultimi 11 anni, i casi accertati di pedofilia all’interno del clero sono stati 135. In America, la Chiesa ha già pagato oltre 16 milioni di dollari per sostenere i processi dei religiosi accusati di violenze su minori. Nel 2011, l’Arcidiocesi di Milwaukee è stata persino costretta a presentare istanza di fallimento.

Nella lettera inviata pochi giorni fa all’attuale Arcivescovo di Milwaukee dall’associazione delle vittime Survivors Network of those Abused by Priests si legge: “In quale altra occupazione, soprattutto che opera con le famiglie, le scuole e i giovani, viene dato un bonus in denaro a un dipendente che abbia molestato e abusato sessualmente su dei bambini?”

.

“Papa a Milano, il pontefice dona 500mila euro ai terremotati” – da Nano Press Cronaca

__________________________

Rispetto a questo, lo scandalo di due anni fa del corista venuto fuori dalle intercettazioni su Angelo Balducci è una cosa da ridere. Non confondiamo le due cose.

“VATICANO – Corista allontanato perchè procacciatore di gay” – da Liquida.it 05 Marzo 2010

Il nigeriano Chinedu Thomas Ehiem, corista della Cappella Giulia, salta fuori nell’indagine sugli appalti, come procacciatore di incontri gay per Angelo Balducci. Si parte dalle tangenti e dagli appalti e si può arrivare allo sfruttamento e alla prostituzione maschile. Pare infatti che, Angelo Balducci, ex numero uno del Consiglio superiore dei lavori pubblici (dal 10 febbraio a Regina Coeli), avesse incaricato il corista quarantenne Ehiem (che si fa chiamare Mike) di trovare compagnie giovani e non femminili. Si parla di un certo AngeloIo non ti dico altro. E’ alto due metri, pesa 97 chili, 33 anni, completamente attivo»), di un napoletano, di un cubano, di un tedesco («appena arrivato dalla Germania»), poi si continua con un calciatore, un abruzzese, un ballerino della Rai e persino qualche studente del seminario («Lui poi a che ora deve tornare in seminario?» e «Te li pigli pure 2000 euro. Non rompere il cazzo! Ti servono i soldi… metti un po’ di musica, tiri fuori la… ti cali il Viagra lì. E via»). La polizia sospetta l’esistenza di una rete di prostituzione maschile e di potenziale ricatto legati, come avete letto, a seminari e collegi ecclesiastici di Roma, ma anche extracomunitari in cerca di permesso di un facile soggiorno. Leggendo queste intercettazioni e venendo a conoscenza di questo, l’arciprete della Basilica di San Pietro, il Cardinale Angelo Comastri, ha allontanato il nigeriano.

“Balducci e gli incontri gay a pagamento coi “seminaristi” attivi ” – da Liquida.it 3/3/2010

.

“Vaticano, spunta un “corvo” donna – Si infittisce il mistero dei documenti top secret “dal TgCom.it del 27/5/2012

Ecco ci mancava anche questa, scommettiamo che c’è sempre lei di mezzo… Ma credo che qui l’articolo non interessi ai soggetti…

Il prossimo incontro mondiale delle famiglie sarà nel 2015 a Philadelphia, negli Stati Uniti.  Tg1.Rai.it

Magari per allora questi vitalizi saranno già estinti per cause naturali.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...