“Visto che la Tobin tax sa da fare”


Tobin tax, blitz per ridurre l’aliquota e far pagare tutti – Sole24Ore.it 23/11/2012 Antonella Olivieri (tenetevela a mente)

Un blitz alla Camera rimette in discussione la traduzione in francese della Tobin tax, che sembrava l’approdo finale dell’imposta sulle transazioni di Borsa. Con il sì bipartisan di 433 deputati, sei contrari e otto astenuti è passato l’ordine del giorno, presentato da Francesco Boccia (Pd), che intende vincolare l’esecutivo a «considerare un ampliamento della base imponibile che includa tutti gli strumenti derivati e una conseguente riduzione delle aliquote tenendo in considerazione anche gli operatori esteri e i trader che effettuano un gran numero di scambi giornalieri, nonché i trader online». Sulla proposta il Governo aveva espresso parere negativo.

Il provvedimento che introduce la Tobin tax, all’interno della Legge di stabilità, passerà ora al Senato nella formulazione originaria che prevede un’aliquota dello 0,05% sulle negoziazioni di azioni, strumenti finanziari partecipativi e derivati (escluse invece le negoziazioni che riguardano titoli di Stato e obbligazioni societarie). La palla passa ora a Palazzo Madama, dove la partita resta aperta.

Fino a ieri sembrava scontato che il Governo avrebbe presentato un emendamento al Senato per modificare l’imposta secondo il modello adottato in Francia, dove si paga non su ogni singola transazione ma sul saldo di fine giornata, esentando però le opzioni negoziate dall’estero e market maker. Fatta la legge, trovato l’inganno. A un paio di mesi dall’introduzione il gettito è stato modesto, anche perchè il mercato ha trovato subito il modo di aggirare l’ostacolo facendo ricorso ai cosiddetti “contract for difference” che, utilizzando le opzioni passando dalle filiali estere delle banche francesi (tipicamente Londra) e interfacciandosi con un market maker, permettono di ottenere il medesimo effetto di una compravendita azionaria, senza pagare dazio.

Visto chela Tobin tax sa da fare, in Italia comunque il modello transalpino era sembrato il minore dei mali, anche perchè avrebbe permesso di salvare di fatto i trader on line, che chiudono le posizioni in giornata a saldo zero, e che sono i principali clienti di Borsa italiana (rappresentano dal 30% al 50% degli scambi in controvalore e il 70%-80% dei contratti negoziati), ma anche di salvaguardare le operazioni sulle quali sono più attive le grandi banche. […]

SIC

Purtroppo l’economia è come l’eros. Ne parlano tutti, ma… il “sa da fare” grida vendetta.

martello-thor

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...