Chi siete? Dove andate?


Sempre vero il detto “con Rovigo non mi intrigo”, ma se proprio vi capita di dover passare da quelle parti avrete da notare un anomalo numero di targhe RO. Non si tratta di Romagna, ma Romania. L’espediente delle auto con targa 250px-Romanian_Imag046straniera serve per non pagare bollo, assicurazione e anche le multe per autovelox che sono utilizzati da quelle parti per fare soldi nelle casse di comuni come Ariano nel Polesine  della cui esistenza non si avverte l’esigenza.

.

Il paese dell’autovelox sbugiardato dal giudice – Ariano nel Polesine (Rovigo): Romea, illegittime migliaia di multe – da Il Resto del Carlino 13/1/2012

UN CENTINAIO di autovelox per un totale di 30 milioni e 200 mila euro che vanno a rimpolpare i bilanci di 50 comuni. La provincia di Rovigo è la prima sulle 110 d’Italia per il numero di postazioni fisse, due delle quali si trovano nel comune di Ariano nel Polesine. Il paese, che conta 4.600 abitanti, nel 2010, ha raccolto quasi 3 milioni di euro da 18.000 multe effettuate dall’autovelox.

SONO due le postazioni fisse, collocate nella statale 309, la Romea, nel territorio del comune: due postazioni che hanno pizzicato migliaia di automobilisti ma che, secondo il giudice di pace di Adria, non avrebbero avuto il diritto di funzionare, almeno in quel tratto dove si trovano. La banchina della strada è troppo corta, ergo tutte le sanzioni potrebbero essere annullate. Cosa potrebbe accadere se tutti i sanzionati facessero ricorso? […]

ariano del cazzo.

.

.

.

.

.

.

.

.

Prende a bastonate l’autovelox, denunciato dai carabinieri E’ accaduto ad Ariano nel Polesine, in provincia di Rovigo, lungo la strada statale 309, meglio nota come Romea. 9/07/2012 da Attualissimo.it

.

.

APPELLO AL PREFETTO – TROPPE MULTE IN POLESINE – La PiazzaWeb.it 9/5/12

Corredano il lavoro di “Sos Polesine”: la passata denuncia del comitato contro il sindaco Marina Bovolenta di Corbola a causa dell’installazione di un autovelox nel 2008 e il circospetto e parallelo inizio del rapporto di lavoro del figlio del sindaco con la municipalizzata che gestisce tali impianti, nonché due esposti depositati in Procura, contenenti i molteplici dubbi sulla legittimità degli apparecchi. In particolare nel primo, che risale al luglio del 2011, si prende di mira il comune di Ariano nel Polesine e la giunta Chillemi, che “grazie alle multe si è definito virtuoso”. Attualmente sono in corso le relative verifiche. “Facile – ironizza Lino Zanetti – quando si copre il bilancio di 3 milioni di euro con due terzi di soldi provenienti dalle multe”. Nel 2010 infatti sono state notificate 18mila multe, mentre nel 2009 è stato incassato un milione e 600mila euro. Nel secondo e più recente esposto del 6 marzo scorso, diretto al prefetto Romilda Tafuri, il ragionamento diventa più generale e coinvolge le amministrazioni polesane. In esso si legge che “il Polesine non è più riconosciuto come il territorio del Delta del Po, con le sue bellezze naturali o come la terra tra i due fiumi, ma come la terra più infestata da autovelox sulla faccia d’Italia, trappole mangiasoldi che spennano i cittadini automobilisti gravando su di loro come un’ennesima insopportabile gabella da pagare, oltre alle tante altre di cui siamo gravati tutti. Non vogliamo difendere i cattivi automobilisti, ma difendiamo il cittadino per non essere ingannato da amministrazioni pubbliche che usano in modo anomalo e distorto uno strumento nato per prevenire”. […]

Min. 2:05: Risposta esatta!

PS l’anno scorso mi hanno beccato alla folle velocità di 76 km/h (ben 1 km/h la tolleranza ariana). Quest’anno per sicurezza transiterò nello stesso tratto ad almeno 20 km/h al di sotto del limite. Se avete la targa RO non provate a suonarmi il clacson!

Per questo si dice: Conosci il tuo nemico e conosci te stesso: la tua vittoria non sarà compromessa. Conosci il terreno e il cielo: la tua vittoria sarà totale.

(L’arte della guerra Sun Tzu)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...