Più bella che indipendente


L’ENI, LUCIA ANNUNZIATA E L’HUFFINGTON POST di Maria Rita D’Orsogna (dal suo blog)

In generale io credo che piu’ informazione ci sia, meglio e’ di modo che ciascuno possa leggere notizie da piu’ fonti – presumibilmente con spirito di critica – e farsi una idea il piu’ possibile libera. Pero’ e’ importante sapere chi c’e’ dietro cosa – giusto per capire se quello che leggiamo e’ di parte o no.

Ed allora ecco che compare sulla scena l’Huffington Post Italia, una “joint venture” con l’Espresso.  Diretto da Lucia Annunziata.  E cosa c’e’ dietro l’Huffington Post?

mini-fiera-libro-07-113-copiaBeh, intanto iniziamo dalla Annunziata che ha scritto per la rivista OIL dell’ENI in passato. La sua parcella nell’annata 2008 era di 150,000 – centocinquantamila euro, si – per ben quattro articoli l’anno e per essere il presidente del comitato editoriale di OIL. La Annunziata ha anche rappresentato l’ENI al congresso mondiale dell’energia del 2010 a Montreal.  Da Report si apprende che da Maggio 2012 la Annunziata non e’ piu’ “coordinatrice” della stessa rivista. Questo vuol dire, in conclusione, che e’ stata giornalista e/o coordinatrice per l’ENI per circa 4 anni. Avra’ creato amicizie e legami con quelli dell’ENI, no?

Adesso la stessa Annunziata e’ a capo di questa Huffington Post Italia che – come dice il New York Times.. lined up four prominent introductory advertisers: the leather goods company Tod’s, the carmaker Citroën, the energy company Eni and the telecommunications provider Wind. Each of the partners has invested 1 million euros, or about $1.3 million”. cioe’ i primi 4 sponsor sono le scarpe Tods, la macchina Citroen, il petrolio ENI e i telefonini Wind.  Ciascuno ha investito 1 milione di euro. Massimo Ghedini, responsabile pubblicitario per l’Espresso, sempre secondo il New York Times dice che ci si aspetta di generare 5 milioni di euro di pubblicita’ entro il terzo anno di attivita’ e che “Italian advertisers are always looking for two things: results, in terms of a return on their investment, and positioning. The Huffington Post gives them both. It brings readers into the conversation, and the Italian edition will spread knowledge of Italian style around the world.”

Tutto e’ possibile, ma io non credo che l’ENI abbia dato un milione di euro perche’ gli sta simpatica Arianna Huffington.  Credo di piu’ invece a quel “return on their investment” e a quel “positioning” – che altro non sono che buona visibilita’ e buona immagine per l’ENI, operazione che secondo me include l’avere avuto l’Annunziata come direttrice e giornalista per quattro anni ad OIL.  L’Huffington Post e’ online da qualche tempo.

Voglio vedere quando e se avranno il coraggio di fare una storia, una qualsiasi, sull’ENI e l’inquinamento che ha portato dovunque si sia insediata in Italia – Viggiano, Pertusillo, Manfredonia, Gela, Marghera, Praia a Mare, Livorno, Pieve Vergonte, Porto Torres, Priolo, Trecate, Paguro.

Possono scegliere, una storia a caso, da nord a sud.

Trasmissione Annozero

È la stampa, bellezza. La stampa! E tu non ci puoi fare niente. Niente.

________________________________________________________

A proposito:

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...